A Tasc piace molto la tecnologia, tanto da averne una categoria dedicata. Oggi, con l’anno nuovo, vogliamo illustrare quali, a nostro modesto parere, sono stati i migliori smartphone del 2013 e per quali motivi. Non ci dilungheremo nell’illustrazione delle specifiche tecniche, ma daremo soltanto un’opinione che si basa sulle nostre esperienze. Attenzione: l’ordine non indica la preferenza. 

Htc One

Uno dei dispositivi a cui sentiamo di dover dare un premio è sicuramente Htc One. Il dispositivo presentato ufficialmente il 19 Febbraio 2013 al Mobile World Congress è caratterizzato da un display da 4.7″ Full-HD con risoluzione 1920×1080 e 468 ppi (pixel per pollice) ed è spinto da un processore Snapdragon 600 che nulla ha da invidiare al processore del Samsung Galaxy S4. Ci è piaciuto per diversi motivi. Innanzitutto, il design: un dispositivo caratterizzato da un unico corpo in alluminio satinato, perfettamente ergonomico, con le casse sul lato frontale sono caratteristiche che non hanno paragoni in termini di bellezza e comodità rispetto agli altri dispositivi Android. Poi, la potenza: non si blocca mai, è sempre molto fluido, ha una rapidità impressionante. Possiamo avviare molte applicazioni, potendo contare sul fatto che non ci troveremo mai un momento di attesa, nonostante il processore quad-core da “soli” 1.7 Ghz. Infine, il software: Htc One monta Android ed è personalizzato con l’interfaccia Htc Sense. Il risultato è a dir poco spettacolare e ben riuscito: la Sense è comodissima da utilizzare e permette di trovare, sulla homepage, i nostri contenuti preferiti, anche da Facebook e Twitter.

Un punto un po’ controverso è la fotocamera, che ha fattori sia positivi sia negativi. Per quanto riguarda i primi, bisogna citare gli Ultrapixel, ossia una fotocamera di soli 4 megapixel che però acquisisce più luce, ottenendo una migliore resa luminosa, e la funzione Zoe, dei minuscoli video di 3-4 secondi adatti, ad esempio, per registrare un panorama. Vi assicuriamo che, una volta provato Zoe, non ne farete più a meno. Per i lati negativi invece, riportiamo i pochi megapixel (per cui non è possibile zoomare più di tanto tenendo alta la qualità). Nota di merito? L’audio, sia multimediale sia in chiamata: perfetto, cristallino, senza sbavature.

Apple iPhone 5S

Nell’elenco dei migliori dispositivi rientra certamente anche l’iPhone 5S di Apple. Ogni anno la casa di Cupertino sa proporre un dispositivo che dà molto fastidio, se non supera, alla concorrenza. Tutto è semplicemente perfetto: il software, la potenza, la velocità, ogni applicazione preinstallata, il display, l’ergonomia. E anche il design. Si, perché sono quattro anni che la forma resta più o meno la stessa (gli iPhone 4 e 4S, e gli iPhone 5 e 5S, che sono più lunghi), ma non si può negare che ogni volta che lo si guarda ci si emoziona. Per avere altre informazioni e opinioni su questo device, vi consigliamo la lettura di questo articolo.

Samsung Galaxy Note 3

E come non parlare del Galaxy Note 3? Il phablet della casa coreana è qualcosa di straordinario, per vari motivi. Per coloro che sono abituati a lavorare con lo smartphone, il Note diventa il compagno ideale, grazie al suo schermo da 5.7″ che permette di visualizzare molte più informazioni e in modo più leggibile, al pennino che permette di scrivere al posto del dito (che risulta essere piuttosto impreciso) e di avviare applicazioni in modo semplicissimo, e al multitasking, che addirittura consente di visualizzare contemporaneamente due applicazioni. Ma è perfetto anche per un uso multimediale: il display è ben luminoso, l’audio si sente molto bene, e la fotocamera ha ben 13 Megapixel. Cosa chiedere di più?

Google Nexus 5

Segniamo una nota di merito per il googlefonino Nexus 5 prodotto da Lg. Perché, con 350 euro (tipico prezzo da fascia media) è possibile portare a casa un device da 5″ di schermo, assolutamente performante come i top di gamma, ottimizzato al massimo come solo la versione pura di Android sa fare, e con una buona fotocamera. Non esageriamo quando diciamo che non si incanta mai e funziona sempre senza problemi. Eravamo abituati a prestazioni del genere solo da dispositivi costosi, Google ha fatto una sorpresa offrendoci un prodotto dalle ottime performance e dal prezzo un po’ più basso. Complimenti a Big G.

E gli altri?

Tasc si sente di citare, alla fine di questa lista dei migliori smartphone del 2013, il Sony Xperia Z1. Ma anche l’Lg G2, mai menzionato prima perché non ha avuto modo di provarlo. Ma cercando molto su Internet, possiamo dire che anche questo device sa stare al passo con la concorrenza. Rimandiamo invece il Samsung Galaxy S4, che presenta, di nuovo, poco più rispetto all’S3 e che, soprattutto, ha visto un po’ di problemi – specialmente all’inizio – per quanto riguarda l’ottimizzazione software. E sospendiamo anche il produttore Nokia, che ha sì presentato qualcosa di buono (basti pensare al Lumia 920 e al Lumia 1020, il cameraphone da 41 megapixel) ma che, a nostro modesto avviso, dovrebbe allontanarsi dal sistema operativo Windows Phone: non è male, ma se si prova un Android o un iPhone, molto probabilmente si cercheranno questi ultimi (non fraintentendeteci: Microsoft sta migliorando il proprio prodotto, e presumibilmente fra non molto tempo riuscirà a farsi ancor più spazio nel mercato; per adesso però, ci sono ancora margini di miglioramento. Tasc si riferisce ai dati di vendita che sono facilmente reperibili online).

E voi? Quale smartphone vorreste comprare o avete già acquistato? Vi aspettiamo nei commenti!