La tecnologia indossabile si presenta come un settore nascente e sarà interessante osservare nei prossimi anni come evolverà in base alle proposte che i grandi marchi ci sottoporranno. In questo settore ci saranno differenziazioni in base ai dispositivi, i bracciali dedicati al fitness sono già una realtà. Noi di Tasc non vediamo l’ora di approfondire la tematica e scoprire le nuove applicazioni  e dispositivi che il mercato saprà offrire.
Abbiamo avuto la possibilità di iniziare questa indagine con la nuovissima fitness-band di Garmin chiamata VIVOfit.
Ora vi spiego di cosa stiamo parlando e  vi parlo del primo impatto con il prodotto.

Il dispositivo
Garmin_04

La fitness band di Garmin permette il monitoraggio e la registrazione della vostra attività fisica giornaliera e notturna. Grazie al sensore di cui dispone è possibile tramite il display visualizzare i passi che avete fatto giornalmente, i km percorsi e le calorie bruciate. Oltre alle funzioni elencate il dispositivo dispone di un orologio e di un “goal”, ossia un numero di passi consigliati dal dispositivo che varia di giorno in giorno per fare del movimento e mantenersi in salute.  VIVOfit rileva anche la vostra inattività; se siete seduti per troppo tempo vedrete a display crescere una banda rossa che vi avverte che è il momento di sgranchirsi un po’ le gambe.

Se si dispone di uno smartphone con Bluetooth 4.0 è possibile sincronizzare il dispositivo e vedere subito le statistiche relative al proprio movimento. Il monitoraggio a video è possibile anche da computer grazie al dispositivo USB Garmin ANT che permette la trasmissione con VIVOfit; tutti i dati appariranno in Garmin Connect, accessibile on line o tramite app su mobile.

Ulteriori applicazioniGarmin_03

VIVOfit, oltre  che per le attività quotidiane, si propone di accompagnarvi anche nel vostro allenamento; questo è permesso però tramite la fascia apposita da comprare separatamente per rendere il dispositivo anche un cardiofrequenzimetro.

Una volta fatto ciò, potrete suddividere le vostre attività tramite il controllo a video monitorando i vostri sforzi in relazione all’attività sportiva che state svolgendo.

Tasc user experience
TascExperience

Non mi sarei mai aspettato di interessarmi ai chilometri che percorro durante le mie giornate, ma  posso dirvi che da quando sto indossando il braccialetto è uno dei parametri che più mi incuriosiscono e che guardo di più. Ho scoperto che non posso lamentarmi della mia attività fisica giornaliera, comunque relativa al mio lavoro, che mi porta a spostarmi e muovermi di continuo per appuntamenti o servizi fotografici: insomma, non sto mai fermo. Ho avuto la conferma di questo perché ho visto poche volte accendersi la banda rossa di cui VIVOfit dispone per segnalare un attività troppo sedentaria. Quando l’ho notata mi sono reso conto che i miei tempi alla scrivania erano abbastanza lunghi e devo dirvi che trovo interessante l’idea di basarsi sulle tempistiche date dal braccialetto per rilevare momenti di inattività.
Non è certamente una novità l’idea che sia necessario muoversi e alzarsi dalla scrivania ogni tanto ma forse un dispositivo che ti avverte in maniera non invasiva può aiutare a ricordarlo.
Non ho potuto visualizzare subito i dati in video del mio smartphone in quanto, è necessario ricordarlo, per connettere VIVOfit al telefono (o al tablet) è necessario che questo disponga di Bluetooth 4.0. Il mio ha una versione precedente del Bluetooth per cui ho utilizzato il dispositivo USB ANT (presente nella confezione) per sincronizzarlo con il computer. Dopo averlo fatto ho potuto vedere i dati di Garmin Connect anche sull’applicazione del mio telefono .

La grafica è intuitiva ed il suo funzionamento è a pannelli relativi alle diverse attività o dati che l’applicazione offre.

Va ricordato che per usufruire di ANT dovrete scaricare Garmin Express, il programma di sincronizzazione di  Garmin, e dovreste prima controllare i sistemi operativi supportati sia per Mac che per PC.

TascEXperience2

Nella confezione troverete una piccola guida, VIVOfit completo di due braccialetti di diverse dimensioni dello stesso colore e il dispositivo USB ANT.
Devo segnalarvi la sua impermeabilità fino a 50mt e per l’esperienza che ne ho avuto fino adesso posso dirvi che sotto la doccia non dà problemi 🙂 . Garmin dichiara per VIVOfit una batteria della durata di oltre un anno.

CompositeGarmin

Ho voluto dare una rappresentazione fotografica del prodotto con un set da still life pensato apposta  per TASC, una rappresentazione unica e originale come siamo noi della redazione. Dalle ultime immagini potete vedere l’allacciatura ed il retro di VIVOfit con gli incastri che permettono di sostituire il braccialetto cambiandogli il colore.