Viviamo in un’epoca in cui ognuno di noi è costantemente connesso e può accedere con facilità a internet, per qualsiasi necessità. Tutti sappiamo che cos’è un sito web, un blog, un social. Ormai navigare, condividere e postare sono azioni quotidiane che eseguiamo senza nemmeno farci troppo caso.

Eppure, per quanto possa essere incredibile, non tutti sanno che cosa si nasconde dietro a questi strumenti che ci permettono di interagire sul web con tale facilità… e forse, senza voler troppo generalizzare, noi donne siamo le più ingenue in questa materia.

In un’era di programmatori uomini, oggi voglio invitare tutte le nostre lettrici a cimentarsi nel mondo della programmazione web, con la speranza che, da nuova scoperta, possa diventare per voi un hobby, una passione e, chissà, addirittura un lavoro.

Cosa significa programmare sul web?

girls-who-code-tech-camp

Partiamo dalle basi. Aprendo una pagina web ci troviamo di fronte a moltissimi elementi: colori, immagini, testi di stili e dimensioni diverse, link e molto altro. Qual è la struttura che mette insieme e lega tutte queste componenti? Si tratta di un codice: l’HTML.

HTML è l’acronimo di HyperText Markup Language, un linguaggio utilizzato per creare, presentare e visualizzare contenuti sul web. Basta scrivere pagine in HTML (ad esempio utilizzando il programma “Blocco Note” su Windows), salvarle e il browser le decodificherà mostrandovi il risultato dei vostri codici su una pagina web. L’HTML quindi rappresenta la base per riuscire a creare una pagina web e può esservi utile anche per lavorare su WordPress o Blogger se la vostra intenzione è quella di aprire un blog o un sito personale.

Se la cosa vi sembra troppo nerd o troppo complicata per voi, sarete costrette a ricredervi: il mondo della programmazione sta diventando sempre più rosa e se avete intenzione di iniziare a studiare per entrare nella cerchia delle programmatrici donne sappiate che sarete in buona compagnia. Siete curiose di conoscere queste nuove eroine del coding? Sono certa che rimarrete stupite.

Karlie Kloss e Lindsey Scott, modelle e regine del coding

Ebbene sì, anche alcune modelle di Victoria’s Secret hanno deciso di svelare il proprio spirito da nerd girls e mettersi a programmare, non limitandosi a farlo solo per passione ma facendone un vero e proprio lavoro.

Karlie Kloss

Karlie Kloss è una supermodella statunitense di 23 anni e, nonostante il suo incredibile successo nel campo della moda, in un’intervista per Vogue afferma di non voler lavorare per sempre in questo mondo. Dopo aver scoperto la programmazione web, Karlie è rimasta così sorpresa dalle potenzialità racchiuse nella conoscenza di questo linguaggio tecnologico da affermare che “imparare a programmare è sexy, è un superpotere”. Il coding infatti le offre la sensazione di avere tra le mani uno strumento che le permetta di realizzare e concretizzare qualsiasi idea, tutto questo tramite un oggetto comune come il computer. Nel futuro Karlie, estremamente affascinata dalla tecnologia, si vede nel mondo del business ed è pronta a realizzare i propri sogni e progetti grazie alla programmazione web. Intanto, la modella americana, ha deciso di offrire ad altre ragazze come lei l’opportunità di formarsi e imparare il linguaggio della programmazione tramite alcune borse di studio “Kode with Karlie” per corsi presso la Flatiron School di New York. La finalità di questo progetto è avvicinare le giovani ragazze al linguaggio della tecnologia e a studi universitari in campo informatico.

Lindsey Scott

Un’altra modella Victoria’s Secret appassionata di tecnologia è Lindsey Scott, laureata in Teatro e Informatica. Tra i lavori come modella e attrice, Lindsey trova sempre il tempo da dedicare al suo amore per la programmazione, creando applicazioni per iOS (molte delle quali sono presenti sull’App Store di Apple) e collaborando con Bill Gates e Mark Zuckerberg nella realizzazione di video tutorial sul sito Code.org. Lindsey ama molto condividere la propria conoscenza sul web, dispensando consigli e suggerimenti su alcuni siti specializzati per programmatori come Stack Overflow. Le competenze di Lindsey sono pubblicamente riconosciute insieme ai suoi sforzi per promuovere la parità di genere anche nel mondo della tecnologia e della programmazione.

I primi passi per imparare a programmare sul web

programmare da donna

Se dopo aver letto questo articolo vi è venuta una voglia irrefrenabile di metter mano al computer e iniziare immediatamente a programmare (ne sono felice!) vi consiglio alcuni siti web che sapranno spiegarvi con chiarezza le basi per imparare il linguaggio della programmazione web.

HTML.it Un’ottima guida online che vi illustrerà tutti i passaggi per prendere confidenza con il linguaggio HTML.

Codecademy.com Una guida completamente gratuita che insegna passo dopo passo a programmare applicando immediatamente le conoscenze acquisite. Basta registrarsi al sito per accedere a percorsi interattivi con spiegazioni ed esercizi pratici di coding. Grazie a Codecademy, fin dalle prime lezioni, potrete vedere i vostri codici prendere forma in una pagina web e intuire subito le potenzialità della programmazione.

Web-Link.it Ero in quinta elementare quando, in casa mia, è apparso il primo computer. In modo totalmente casuale e senza rendermene davvero conto, ho scoperto il mondo della programmazione e, con curiosità e voglia di imparare, sono finita su Web-Link, un sito che vi spiegherà in modo estremamente chiaro (a prova di bambina di quinta elementare direi) le basi per imparare a creare le vostre prime pagine web.

Bene, ora che vi ho spiegato cosa significa e come è possibile iniziare a programmare sul web, che ne dite di fare una prova ed imbarcarvi in questa nuova avventura tecnologica?